Quando viaggio in un paese lontano che sia America, Africa o Asia, mi ci vuole qualche giorno per entrare nei ritmi di vita della gente che vi abita, per apprezzare fino in fondo questi luoghi e non voler più ripartire.
Così e’ stato anche per il Laos, poco meno di 10 giorni in una terra ricca di magia e tradizioni. Un viaggio bello e intenso nel nord del paese, organizzato direttamente da noi, una scoperta continua giorno dopo giorno….
Abbiamo potuto scoprire villaggi rurali che fanno pensare all’Italia di 100 anni fa, città antiche con un atmosfera che ti conquista, fiumi che scandiscono la vita quotidiana, colori, mercati e persone che ti entrano nel cuore. Il tutto immerso in una spiritualità buddista che sembra ancora intatta e spero rimanga tale a lungo.
I miei ricordi piu’ belli sono anche nelle fotografie. Le avrei inserite tutte ma non sarebbe stato possibile, spero che a guardarle possiate provare le stesse emozioni che ho provato io quando le scattavo.
Non vi propongo ricette in questo post ma presto vi parlerò di noodles e riso, la base della mia dieta nei dieci giorni di viaggio. Con le mie due compagne di viaggio abbiamo potuto assaggiare piatti insoliti come il bambu’ e il pesce cotto dentro la foglia di banano e apprezzare molto l’uso del lime e dello zenzero fresco.
La mia ultima colazione asiatica a base di dolcetti al cioccolato e the verde mi ha letteralmente stregata. Devo mettere insieme le poche informazioni che il pasticcere asiatico mi ha dato, usare un po’ di fantasia e proverò a prepararli.

Abbiamo incontrato pochi turisti, in alcune zone quasi nessuno. E’ stata un grandissima fortuna ed è quello che ha contribuito a rendere il viaggio indimenticabile.
I nostri inseparabili “compagni di viaggio” sono stati:
I monaci vestiti di arancione
I bambini curiosi e bellissimi

La foresta, i villaggi e il fiume

Il cibo di strada strabiliante e insolito
I mercati, gli odori e i colori
La gente e la loro vita quotidiana