Sono stata a New York un anno fa esatto e ci ritornerei subito.

 

Un viaggio a New York ti rimane impresso nella memoria in un modo indelebile. New York è tante città in una sola metropoli. Anche chi non va matto per gli States apprezzerà la Grande Mela, ne verrà conquistato. Non si può essere immuni al fascino della città. Nello stesso giorno, si puo’ salire su un grattacielo altissimo o perdersi nel verde di Central Park, cercare di non farsi calpestare a Time Square o godersi le vie sperdute di Red Hook, mangiare cibo da strada per le vie di China Town o in completo gessato in un ristorante stellato, fare shopping in una boutique o la spesa al mercato degli agricoltori, visitare musei spettacolari o scoprire mostre innovative.

 

Vista di New York

new york, cinque consigli per risparmiare

green market new york

Veniamo al sodo: come riuscire secondo me, a fare un viaggio a New York senza spendere una valangata di soldi!! Io ci sono riuscita e vi spiego come.

 

Vi lascio qualche consiglio. Se decidete di partire la cosa bella è scoprire, mentre pianificate il viaggio cosa vedere, dove mangiare, dove alloggiare. New York non è economica ma ci sono degli accorgimenti che vi faranno risparmiare e soprattutto apprezzare anche qualcosa di un po’ meno turistico.

 

Volo

Prenotate in grande anticipo o qualche settimana prima della partenza, se lavoro e passaporto ce lo permettono. Noi abbiamo prenotato a febbraio e siamo partiti ad ottobre. Bisogna anche dire che come mese Ottobre non è alta stagione, sempre che esista una bassa e un alta stagione a New York. Io utilizzo Kayak per prenotare i voli, è possibile trovare l’offerta più vantaggiosa e prenotare direttamente con il motore di ricerca proposto.

Noi abbiamo viaggiato con Emirates, diretto Milano – New York con airbus 380, spazioso e molto confortevole anche in economy. Il piano alto non lo abbiamo neanche intravisto quindi me lo posso solo immaginare.

 

Trasporti

A voi la scelta se prendere un taxi, un minibus o affidarvi ai validissimi trasporti pubblici. I vari terminal dell’aereoporto JFK sono collegati da un trenino chiamato Airtrain che porta direttamente a due fermate distinte della metropolitana. Da li si prende la linea desiderata in base a dove alloggerete.

Da fare assolutamente l’abbonamento alla metropolitana (metrocard) di una settimana o di più in base a quanto vi fermate. Basterebbe prendere la metropolitana due volte al giorno (ma sicuramente la prenderete di più) e vi ripagate l’abbonamento.

 

Pernottamento

A New York si trovano sistemazioni di ogni tipo: hotel, bed and breakfast, camere in appartamento e … tenda. Non sto scherzando.

In estate e inizio autunno si può dormire in tenda sul tetto di una casa nella grande mela, sul sito Bivouacnyc.com tutte le info. Il sito Booking.com offre, pagando qualcosa in piu’, la cancellazione gratuita. Airbnb può essere molto utile per prenotare appartamenti o stanze.

Noi abbiamo affittato una stanza da Isabella, ci siamo trovati bene. Eravamo in Manhattan, non centralissimi ma con due linee di metropolitana vicino a casa che ci hanno portato ovunque e abbiamo risparmiato parecchio rispetto ad un hotel. Se pensate di girare tutta la giornata, cenare fuori e tornare a casa per dormire questa location è perfetta. Questo http://www.newyorkesi.it/  è il blog di Isabella e contattarla. Per lei New York è luminosa, immensa e invincibile.

 

Itinerari alternativi

Era la seconda volta che visitavo New York, così abbiamo scelto di non fare tutte le classiche attrazioni da turisti ma scegliere anche qualcosa di alternativo.

Sky line di New York e Statua della Libertà. La nostra scelta è stata vedere Manhattan dal quartiere di Brooklyn. Abbiamo preso il battello che porta all’Ikea dal Pier 11 nella zona di Wall Street (il sabato e domenica è gratuito e il primo parte dopo le 11) e siamo arrivati alla zona di Red Hooke. Stradine deserte, depositi portuali in  disuso, un atmosfera particolare, non ti sembra di essere a New York.

Camminando verso East River si arriva ad un piccolo molo dove c’è gente che pesca e si può vedere la statua della libertà frontalmente. Secondo me è un luogo da visitare adesso, fra qualche anno la zona cambierà sicuramente aspetto e compariranno grattacieli e traffico anche qui.

red hook

ponte di brooklyn


Avvicinandosi al ponte di Brooklyn si può percorrere una bellissima passeggiata, chiamata Brooklyn Heights Promenade e vedere una vista su Manhattan mozzafiato.

Una camminata sul famoso ponte magari al tramonto è perfetta. Prima abbiamo fatto un breve giro a Dumbo, un quartiere di Brooklyn ai piedi del famoso ponte. Edifici industriali, negozi alternativi, abitazioni, fra poco inaugureranno anche un teatro.

manhattan

Vista di New York dall’alto. Il top a New York è salire sulla cima dell’Empire State Building o sulla nuova Freedon Tower, il terzo edificio più alto al mondo che è sorto dove c’erano le Twin Tower.

Se si vuole vedere la città un po’ più dal basso, fare pochissima coda ma ammirare Central Park da vicino e gli altri grattacieli tra cui l’Empire, la soluzione è andare sulla cima del Rockefeller Center, chiamato Top of The Rock. Io adoro questo immenso parco ed è bellissimo vedere il suo perimetro dall’alto e quanto spazio occupa all’interno della città. Vi ricordate quell’immagine famosissima degli operai in pausa pranzo, seduti su una trave d’acciaio sospesi su Manhattan? La fotografia è stata scattata durante la costruzione del Rockefeller Center.

vista da top of the rock

 

Cibo

New York è una delle maggiori città che offre una scelta vastissima di luoghi dove mangiare cibo americano, etnico, italiano, fast-food, ristoranti stellati, mercati ecc. 

Dolci e Cupcakes buonissimi. Per le dipendenti del telefilm Sex in The City la pasticceria Magnolia Bakery è assolutamente da visitare. Noi abbiamo scelto la concorrenza, le cupcakes “indie” di Peg e Deb che hanno lavorato nella famosa Bakery. La loro Sugar Sweet Sunshine è un pasticceria deliziosa e divertente, le due ragazze lavoravano anche a Broadway come attrici. Che scegliate un posto o l’altro oltre alle cupcakes se non amate la crema al burro potete assaggiare altre prelibatezze come la famosa New York Cheesecake o i Black and White Cookies.

Colazione, pasti e spuntini.  Starbucks, Le Pain Quotidien, Dunkin Donuts sono delle catene molto famose per colazione o spuntini ma se volete provare qualcosa di molto americano noi abbiamo scelto:

Eisenberg’s Sandwich Shop, il loro motto è tutto un programma: Eisenberg alimenta il livello di colesterolo dei newyorkesi dal 1929! Uova, bacon, panini, pancakes, tutto il cibo americano che potete immaginarvi per colazione e pranzo. Zona Flatiron, vicino a Eataly

eisenberg's sanwich shop

Absolute Bagels, i bagel più buoni e originali di New York. Negozietto piccolissimo dove fuori c’è spesso la fila di persone, entrando scoprirete che ne vale la corsa e sono veloci a servire. Vari tipi di impasti e svariate farciture a base di creamcheese. 2788 Broadway. Guardate il video della preparazione dei bagel, vi verrà voglia di provarli sicuramente. https://www.instagram.com/p/8YIpt1GUk1/?taken-by=zuccheramente

Shake Shack un fast food di qualità che ha ben 7 sedi in città. Ottima carne di Angus, hot dog da favola e hamburger anche in versione vegetariana. Camerieri molto gentili e locale molto trendy. Un alternativa x un pasto veloce.

fast food new york

Chelsea Market un bellissimo edificio industriale riconvertito a pochi passi dal fiume Hudson  Conoscete i biscotti Oreo? Venivano prodotti qui. Tanti piccoli ristoranti con le cucine di tutto il mondo e una grande varietà di negozi, alcuni molto simpatici e particolari. Zona Brooklyn Height, vicino alla famosa passeggiata Brooklyn Heights Promenade.

chelsea market NY

Brooklyn Farmacy & Soda Fountain, nel 1920 era una farmacia ora ha mantenuto gli arredi e i pavimenti originali ed è diventata un bar-gelateria, molto particolare. Propone panini, gelati, frappé e una vera chicca: l’Egg Cream: latte freddo, cioccolato e soda. Le bollicine mi hanno lasciata un po’ perplessa ma dovevo provare questa stranezza. Zona Brooklyn.

 

Se decidete di visitare New York ditemelo, ora che sto finendo di scrivere il post mi è tornata una voglia incredibile di tornarci.