Non saprei se chiamare questo piatto zuppa o risotto. La prima volta che l’ho preparato  aveva abbastanza la consistenza di una minestra e ho usato riso, grano e farro, ingredienti rustici da zuppa. La seconda volta invece era un vero risotto, più asciutto e mantecato con della robiola

In entrambe le versioni può essere un ottimo piatto unico, ricco che scalda l’animo e il corpo nelle giornate d’inverno. Dato che secondo le previsioni meteo fra qualche giorno arriverà il freddo polare (sempre che non si sbaglino), può essere un buon primo piatto per sopravvivere al gelo!

DSC_1131

Ingredienti per due persone:

150 gr di mix di riso, grano e farro

80 gr di pancetta dolce a cubetti

1 testa piccola di radicchio meglio se tardivo

400 ml di brodo vegetale

50 gr di robiola

6 nocciole

cipolla

olio e sale q.b.

Scaldate il brodo vegetale.

In una pentola fate soffriggere nell’olio un quarto di cipolla tagliata fine, il radicchio a pezzetti, le nocciole e la pancetta. Dopo circa 5 minuti aggiungete il mix di riso, grano e farro e fatelo tostare asciutto. In seguito aggiungete abbondante brodo caldo e fate cuocere per circa 15/20 minuti a fuoco medio aggiungendo il brodo poco per volta.

Raggiunta la consistenza desiderata, togliete dal fuoco, mantecate con la robiola e servite.

Un consiglio: per ottenere un bilanciamento dei sapori, tagliate le nocciole a metà. Il gusto rimane ma meno intenso.